140x140

via Nicola Zabaglia 14

00153 Roma (RM)

Metro B Piramide | mappa

e-mail:info@gaycenter.it
140x140

Ristorante licenzia cameriere dopo vicenda scontrino omofobo. Azione tardiva

"Il licenziamento del dipendente da parte del Ristorante Locanda Rigatoni - dichiara Fabrizio Marrazzo, Responsabile Gay Help Line 800 713 713 e portavoce Gay Center - dopo la vicenda dello scontrino omofobo è un azione tardiva fatta dai proprietari solo a seguito del nostro intervento, dei media e della campagna di boicottaggio lanciata dal web, che ha visto il rate del loro locale passare da 4,5/5 a circa 1,5/5 come visibile dalla loro pagina facebook.

La proprietaria, quando è stata informata giovedì, invece di sanzionare immediatamente il dipendente e scusarsi, ha discusso per 30 minuti senza mai scusarsi.

I locali con licenza pubblica non possono effettuare azioni discriminatorie verso i clienti, per colore della pelle, per religione, per orientamento sessuale. Chi lo fa va sanzionato.

Ringraziamo il Comune Di Roma per l´intervento di controllo che andrà ad effettuare, ed attendiamo di conoscere le sanzioni che verranno attuate.

Ricordiamo inoltre che per molti giovani è già difficile essere lesbiche, gay e trans a scuola ed in famiglia, quindi, se anche quando vanno in un locale vengono discriminati, questo significa recludere i nostri giovani nel totale isolamento e vietare loro di fatto di fare coming out. Per questo reputiamo questa azione gravissima."


"Ringraziamo le migliaia di persone che civilmente hanno esposto la propria protesta sul web, in merito al brutto episodio consumatosi nella locanda Rigatoni a scapito di una coppia gay, se ci sono state delle minacce di morte fatte al ristorante, invitiamo i proprietari a fare le denunce del caso, perché se accadute sono azioni illecite che non appartengono alla nostra comunità e da cui prendiamo le distanze- dichiara Fabrizio Marrazzo, responsabile Gay Help Line 800 713 713 e portavoce Gay Center." "In merito al personale riteniamo che anche la responsabile che ha continuato ad offendere i ragazzi, ripetendo che l´offesa fosse stata generata dal pc, non sia idonea a ricoprire tale ruolo. Inoltre, le azioni legali e le sanzioni dovranno avvenire come previsto dalla legge, mentre per il personale che non hanno fatto parte dell´azione omofoba, come abbiamo già fatto molte volte e la settimana scorsa con oltre 50 dipendenti ed esercenti di Roma Centro, siamo disponibili a fare gratuitamente corsi di formazione contro l´omofobia."



 

via Nicola Zabaglia 14

00153 Roma (RM)

Metro B Piramide | mappa

e-mail:info@gaycenter.it