140x140

via Nicola Zabaglia 14

00153 Roma (RM)

Metro B Piramide | mappa

e-mail:info@gaycenter.it
140x140

Il Corona Virus ai tempi di Vauro | Pensiero emozionale

Da molte ore il mio cellulare è in fermento.

Essere definita la lesbica che ama gli uomini, ha un suo intrinseco perché.

Tutti, o quasi tutti, nelle proprie abitazioni hanno avuto il tempo di leggere, rileggere e leggere ancora la vignetta che ha reso il web zona rossa come tutto il nostro paese.

Sto parlando della vignetta di Vauro Senesi pubblicata il 12 marzo, sul Fatto Quotidiano: "Coronavirus? Ridateci l'Aids", che, parere personale, ho trovato priva di eleganza.

Sono rimasta a guardarla, osservarla cercando di capirne il senso, comprenderlo, senza risultati però.

In serata, il cellulare ha continuato a squillare, la popolazione sierocoinvolta all’ombra della Tour Eiffel, quella frenetica della grande mela, quella della movida spagnola, quella della ormai irraggiungibile Inghilterra, un amico rimasto bloccato nella sua piccolissima Pescara e io ci siamo dati appuntamento per scambiare opinioni a riguardo…opinioni contrastanti… poi mi sono fermata.

Questa notte, complice una luna di cristallo, ritmata dai colpi di tosse della mia anziana mamma, ho cominciato a scrivere sull’onda emozionale che, finalmente lontana dalle parole, scorreva fluida.

GIOIA come può un essere umano così piccolo contenere un cuore enorme, intriso di gioia, quella gioia degli anni ’90 che ha ridato fiato a respiri troppo corti, affannati nel vivere quotidiano…

RABBIA, il pensiero, come una calamita, è stato attratto dal decennio precedente agli anni della gioia, solo la nostra comunità e solo il maschio gay, prepotente attentatore alla virilità, moriva per aver scelto una sessualità libera, alla luce del sole e non più rinchiusa tra le mura di un cesso pubblico…

TRISTEZZA, non mi appartiene, ma ancora in alcuni momenti di intimità, piango chi ho amato e che oggi non è qui con me…

e poi c’è la PAURA…questa nuova, nuova? pandemia shakera le mie emozioni primarie e genera una riflessione: abbiamo più paura di perdere la vita che di perdere la nostra libertà. Inaccettabile, almeno, per me.

 

Angela Infante, Presidente Gay Center



 

via Nicola Zabaglia 14

00153 Roma (RM)

Metro B Piramide | mappa

e-mail:info@gaycenter.it